Videosub su YouTube

Nella “quantità industriale” di servizi online, quello di YouTube è certamente il più alla moda, al momento. Dato che mi piace provare un po’ tutto, ho rispolverato un mio vecchio video subacqueo fatto nel 2001 in un lago temporaneo in Val di Non. Temporaneo in quanto si forma solo in determinate condizioni meteo e quando piove molto. L’immersione è stata spettacolare, con l’acqua così limpida (e fredda) che sembrava di volare tra l’erba (che sembra posidonia), gli alberi e le rocce di quella che normalmente è una stradina montana.

http://www.youtube.com/watch?v=WpkBknY-c8o

Ferie 2006 a Rodi Grecia – Hotel Villaggio Lindos Princess

Il viaggio

Dopo due anni di Sardegna (Villaggio Saraceno, Arbatax), quest’anno abbiamo optato per l’Isola di Rodi in Grecia. Facendoci consigliare dall’agenzia di fiducia (Alpina Tourdolomit di Bolzano) la scelta è caduta sul Villaggio Lindos Princess di Lardos. Il tutto tramite Alpitour dal 18 giugno al 2 luglio.

Non ero molto convinto del tour operator, ma bisogna pur provare! Rispetto agli orari della prenotazione, la prima “bella sorpresa” al ritiro dei biglietti: volo spostato la sera da Verona alle 22:50 (arrivo previsto in albergo verso le 2 di mattina). Economie? Bah, sta di fatto che ormai non si poteva tornare indietro.

La “seconda bella sorpresa” all’arrivo in aereoporto. Due ore di ritardo previste !!! Ma già dopo un’ora il tabellone segnava come orario di partenza le 5:50 del mattino!! Fortunatamente ci hanno portato in albergo ed offerto la cena. A quanto pare l’aereomobile (così lo chiamano) aveva una gomma fuori uso e il ricambio doveva arrivare da Linate, ecc. ecc.

Senza ulteriori intoppi siamo arrivati in albergo verso mezzogiorno. Il transfer dall’aereoporto dura infatti un’ora e mezza.

Il villaggio

Il Lindos Princess è una megastruttura da 416 stanze (ca.1.100 posti) curata e attrezzata. La nostra sistemazione consisteva in una ampia stanza al piano terra (con giardino e vista mare) in uno degli edifici a due piani che compongono la parte “ali del villaggio”. Il villaggio forma infatti una U con in centro diverse piscine e l’accesso al mare. Il complesso principale, con bar, ristorante, shop, sauna, piscina coperta ecc. ecc. sarebbe stato decisamente meno attraente. Scopro poi che con la sistemazione siamo stati fortunati. Normalmente vengono date stanze più piccole con un terzo lettino di quelli di tipo pieghevole. Invece il nostro terzo letto era decisamente un letto vero e comodo.

La sistemazione era del tipo “all inclusive“. La cosa costringe, tuttavia, a portare uno scomodo braccialetto per tutta la durata del soggiorno. L’all inclusive comprende praticamente tutto, dalle bibite al bar, agli spuntini al secondo bar-ristorante.
In tutto ci sono 5 piscine: 1 coperta, 2 esterne grandi ad altezza variabile di cui una atrezzata con giochi per bimbi e 2 micro per i baby.

3 bar, uno interno e due esterni. 2 gruppi di animazione bambini (Scimpa per gli italiani e Badingoo per i tedeschi) dotati delle proprie strutture giochi e molto ben organizzati e gestiti. Un parco giochi sempre per bimbi, campo minigolf, campo tennis.

Un anfiteatro per gli spettacoli serali…insomma di tutto e di più.

Scordatevi tuttavia di trovare un momento di relax. Ovunque c’era o musica o animazione. Nota dolente (almeno dal mio punto di vista): una buona metà del villaggio era occupata dal gruppo vacanze GoodYear Dunlop. A quanto pare la multinazionale offriva una settimana di vacanza semi-gratuita. “Loro” avevano i loro animatori, i loro eventi, insomma una cosa a se. Nulla di male, se non chè il villaggio era tappezzato da numerosi striscioni pubblicitari GoodYear Dunlop, che onestamente “stonavano” un po!! Come minimo, per tutta la pubblicità che mi sono sorbito, dovrei comperare quei pneumatici, ma in questo caso ha avuto effetto opposto ;-)
L’animazione era italiana (anche per i tedeschi a parte il club bimbi) e fondamentalmente la solita storia: risveglio muscolare del pinco pallino, ginnastica in acqua, spettacoli serali…tutto come da copione. Si capisce, ovviamente, che il sottoscritto non è un’amante dell’animazione! Gli animatori del villaggio erano tutti molto cordiali e simpatici. Alla domanda: cosa vado a fare allora in un villaggio? rispondo che ho una bimba di 5 anni che si diverte un mondo con queste cose e di conseguenza la cosa sta bene anche a me! Tra 10 anni potrò tornare a fare l’eremita! :-)

Il posto è infatti un piccolo paradiso per i bambini (scelto apposta). Nonostante la maxi capienza la folla non è mai esagerata, merito della vastità del luogo. Le piscine sono molto belle e ben atrezzate.
Veniamo ai pasti: Colazione, pranzo e cena a buffet con una scelta più che vasta. Riguardo alla qualità del cibo posso dire poco. Primo perchè ero a dieta, secondo perchè comunque sono un difficile e mangio pochissime cose (no pesce, no verdure, ecc. ecc.). Ci sono anche tre ristoranti a tema dove si viene serviti. Ci si può andare una volta a settimana con prenotazione. Sconsiglio, in quanto il mangiare è più o meno lo stesso e i tempi di attesa sono lunghi. Il villaggio è relativamente nuovo (del 2003 mi sembra), la manutenzione e la pulizia lasciano però un po’ a desiderare.

La spiaggia è quella che risente di più di questa noncuranza. Ci siamo andati poco in quanto l’acqua era abbastanza fredda, i sassi misti sabbia, bollenti come carbonella e non proprio il massimo in quanto a pulizia.

L’isola.

Per tre giorni (non consecutivi) abbiamo noleggiato un’auto (cabrio) tramite Rhodos Cars che ha un ufficio proprio dentro il villaggio. Merita sicuramente girare l’isola, in particolare le coste che sono molto affascinanti e selvaggie. La punta inferiore, Prassonissi, è un vero paradiso per surfisti e kite surfers. Un vento forte e costante imperversa praticamemte sempre. L’interno dell’isola è anche molto affascinante e rigoglioso di verde.

Ovviamente poi le classiche mete: Rodi città vecchia, la Valle delle farfalle e le varie spiaggie più o meno famose. Le sette sorgenti si potrebbero anche tralasciare se non fosse per percorrere un canale di un centinaio di metri completamente buio che passa sotto la roccia e porta l’acqua ad un laghetto.




=== piccolo spazio pubblicità ===

=== piccolo spazio pubblicità ===


Lindos è un’altra meta da non perdere, in particolare di sera.

Girare l’isola in auto è comunque molto bello. Lungo la strada si incontrano diversi tipi di paesaggi, da quello montano a quello tipicamente “da mare”.


L’ideale sarebbe poter percorrere le splendide strade con una moto custom, ad andatura turistica per poter godere bene del paesaggio. Spesso si incontra il bivio per qualche monastero o rovina, anche se confesso di averne visitato solo uno. Indimenticabili gli scorci da cartolina che si aprono sul mare in particolar modo attraversando la parte sud dell’isola.

Capitando all’ora dei pasti in un paese si può assistere ad una scena molto divertente. Quasi tutti i ristoranti hanno un (o una) buttadentro, cioè una specie di vedetta che non appena capisce che si ha l’intenzione di fermarsi in cerca di un ristorante, comincia a salutare, gesticolare e, in maniera sempre molto cortese, ad invitarti a scegliere il proprio ristorante piuttosto che quello del vicino.

Un’altra particolarità del paesaggio è il modo bizzarro di costruire. Molte case sono ad un piano e sul tetto vengono lasciati i lunghi ferri del cemento armato per un eventuale secondo piano oppure viene ultimato solo un piano e l’altro lassciato al grezzo. Sempre con il solo scheletro si trovano moltissimi edifici grandi e piccoli con il cartello vendesi.

Sulla costa Ovest, la più selvaggia, si trovano moltissime spiagge desolate, mentre la costa Est è quella più turistica ed affollata.

A Rodi città vecchia abbiamo dedicato solo una mezza giornata e non è bastata. Vuoi per il caldo, vuoi per il fatto che non ci si può trascinare per ore una bambina di 5 anni, abbiamo visitato il minimo giusto per capire che Rodi merita più tempo. Magari una prossima volta.


Pur non avendone l’intenzione ci siamo lasciati convincere ad andare a fare un full day di immersione! L’avessimo mai fatto! Due ore di transfer fino a Rodi, un’ora di transfer in barca. Il tutto per un immersione di 39 minuti senza vedere nulla, ripeto NULLA. Dato che mi sono rifiutato di fare la seconda immersione, abbiamo poi aspettato in barca per 4 ore, in attesa che completassero: il corso sub, lo snorkeling, la seconda immersione ecc. ecc. Altre 3 ore di ritorno, insomma…una giornata buttata!!

In conclusione sono state due piacevoli settimane, senza il rischio di noia (a parte l’esperienza diving).
Ottimo villaggio per famiglie. Non ci tornerei, ma questo vale in generale (mai tornare nello stesso posto), comunque lo consiglierei!

Fotogallery

Links:

Sito del Villaggio Lindos Princess

Rhodos Cars

N.B.
Dopo aver scritto il primo report confesso che è un lavoro non così semplice come pensavo. Ricordarsi nomi, fatti, eventi, ecc. e riportarli nero su bianco è alquanto impegnativo.
Era da tempo che volevo iniziare questa sezione ma non ho mai avuto il tempo e non so se la cosa avrà un seguito.

Lo spunto lo ho preso da un carissimo amico che lo fa da quasi dieci anni e che ora, dopo il mio primo report, ammiro ancora di più !
Consiglio vivamente di visitare la sua sezione viaggi che è un vero e proprio tesoro di ottime informazioni per chiunque pianifichi una vacanza in uno dei posti indicati:

sstours.gif
www.rizzetto.com/viaggi.html

Da cosa nasce cosa…

…continua la ristrutturazione del sito con la nascita del Photoblog :: rss feed
Nonostante le numerose fotogalleries ho deciso di dedicare una parte speciale a quelle foto che mi piacciono particolarmente e che non rientrano in qualche specifica categoria.
Una sorta di “upgrade” alla vecchia photogallery One Shot.