Ospite a La musica dentro di Radio Tandem

“La prima volta di un blogger” così Till ha titolato la puntata #25 de “La musica dentro“, salotto musical-radiofonico condotto da Till Mola e Alois J. Pirone in onda su Radio Tandem.

La musica dentro - Radio Tandem

 

photo by Alois J. Pirone

Quando sono stato invitato da Till mi sono sentito in imbarazzo dal momento che normalmente gli ospiti della trasmissione sono  musicisti e/o in qualche modo legati alla musica. La trasmissione è  uno spazio radiofonico dove gli ospiti portano la propria musica, quello che hanno dentro. Come ho detto a Till in trasmissione io più che la musica ho la radio dentro, dato che il mio presente professionale nasce dalla prima avventura in radio nel lontano non ricordo più quando (ca. 1985). Sempre dalla radio nasce anche la mia avventura come raccontastorie virtuale con il progetto Audiofiabe per bambini.

La radio, insomma, la ho proprio nel cuore. Tornare davanti ad un microfono è stato emozionante e divertente e ci è voluto poco per ritrovarmi a mio agio di fronte ad un microfono.

Una bella ed intelligente trasmissione radio che rivive virtualmente sul web grazie alla pazienza di Till che pubblica costantemente su Mixcloud le varie puntate.

Ai “miei tempi” la radio era un attimo fuggente, oggi rivive grazie alle nuove tecnologie e questa è la dimostrazione di quanto grande e potente sia questo mezzo.

Potete ascoltare qui sotto la puntata.

La Musica Dentro – 20 aprile 2015 – # 25 (Radio Tandem – ospite Walter Donegà) by La Musica Dentro (Radio Show) on Mixcloud

Eclissi solare del 1999

In attesa dell’eclissi parziale solare di domani 20 marzo 2015 rispolvero quella del 1999.

Nel 1999 le macchine fotografiche digitali non erano proprio degli oggetti comuni. Io avevo una delle prime, acqusitata direttamente dagli States, la Kodak DCS 260.  L’11 agosto del 1999 ci fu l’ultima eclissi “quasi” totale visibile dall’Italia. Così armato di vetro da saldatore (allora introvabile) attaccato alla buona sull’obiettivo, cavalletto e macchina digitale mi sono divertito a fare il timelapse (allora non si chiamava ancora così) e il successivo gif animato (redivivo).

Ecco qui sotto i risultati:

Tempo di pensare alle vacanze

Primavera in arrivo e come al solito inizia la ricerca, per me sempre difficile, del luogo di vacanza. Difficile perché avendo un bambino di 5 e una ormai ragazza di 13 anni gli interessi sono molto diversi. Ma si sa che conciliare le esigenze famigliari è sempre difficile bisogna pertanto arrivare a dei compromessi. Mare, montagna, relax, città d’arte, cultura, gastronomia, divertimento…sono così tanti i parametri da valutare che a volte fare una scelta diventa difficile. Dal punto di vista dei bambini è tutto abbastanza semplice. Poco importa la località basta che ci sia un parco giochi dove divertirsi e poi va tutto bene. Avendo poi a disposizione mamma e/o papà per tutto il giorno la soddisfazione è assicurata. Se penso in quanti posti stupendi abbiamo portato il piccolo nei suoi primi 5 anni e quanto poco a lui rimanga di queste esperienze è un vero peccato. Del resto credo che alla fine per loro basta veramente poco. Certo non puoi trascinarlo tutto il giorno per musei o gite culturali pena il dover sopportare la sua insoddisfazione nei modi più classici possibili. Quando un bambino non ha voglia di far qualcosa lo sa dimostrare molto bene, specialmente in vacanza. In quei casi bisogna inventarsi sempre un gioco per ogni cosa. E’ un peccato che i bambini non ricordino ciò che hanno vissuto nei primi anni di vita. Tanto per dirne una a 2 anni Giacomo era a giocare con la neve a giugno in mezzo alle fumarole del vulcano Etna in Sicilia, a pochi giorni dalle eruzioni del luglio. Una esperienza bellissima anche per noi.

Vulcano Etna-7_1200_DSmarkLuoghi come la Sicilia dove sole, mare, cultura, emozioni, natura, ecc convivono in perfetta simbiosi sono il luogo ideale per una vacanza famigliare ma anche di coppia. Sfruttando il web e cercando un po’ è possibile trovare diversi pacchetti offerte per la Sicilia ad un prezzo molto conveniente considerando soprattutto che oggi come oggi restare in Italia è tendenzialmente più costoso che non andare all’estero. Ma vuoi mettere finire in un anonimo resort estero rispetto ad una località verace come la Sicilia appunto? In luoghi così si riesce ad accontentare il bisogno di vacanza di tutta la famiglia. Poi per fortuna ci sono le foto che fissano in maniera indelebile i momenti di una vacanza così che quando sarà grande il piccolo Giacomo vedrà i luoghi dove è stato in vacanza e gli verrà la voglia di tornarci. Beh a dire la verità ci tornerei volentieri anche io. :-)

…dal 1966

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: