Regole per i droni: l’esempio tedesco

In Italia la regolamentazione per i droni a uso ricreativo è di difficile interpretazione e comprensione.

Trovandomi a Monaco per lavoro in un momento di pausa sono andato in un mega store di elettronica e nel reparto droni ho trovato un depliant sulle regole fatto dal governo tedesco, ministero dei trasporti. Poche e chiare informazioni. Esiste anche un apposito indirizzo web In breve per droni tipo MavicPro (dai 0,25 a 2 kg) è necessario solo la targhetta con nome e indirizzo del proprietario. Volo a vista, divieto nelle zone abitate, governative, areoporti, industrie, assembramenti di persone e operazioni di polizia e soccorso.

Non sarebbe bene fare una cosa cos’ anche in Italia senza dover diventar matti per interpretare (ognuno a modo suo) un regolamento piuttosto farraginoso per i non addetti ai lavori?

Come ho anche scritto qui l’argomento delle No Flight Zones per i droni è piuttosto complesso.

Speriamo che la futura normativa europea prenda spunto dal governo tedesco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *