IView – Aperture – Raw – Capture One – Photoshop

Scatto in digitale dal 1999; prima digitale la Kodak DCS 260 comprata negli stati uniti. Il numero di scatti digitali in archivio supera ormai abbondantemente le 15.000 unità e continua a crescere soprattutto in dimensione di KB.
Il problema è sempre lo stesso: il software di archiviazione. Da utente Mac il primo tentativo è stato con Iview, che a suo tempo veniva distribuito con Toast (il miglior sw di masterizzazione per Mac). All’uscita di IPhoto ho provato ad utilizzarlo per un periodo ma l’estrema lentezza delle prime versioni mi ha fatto tornare ad Iview, che ha sempre offerto maggiori possibilità. Tra il resto il supporto del profilo Adobe RGB con cui normalmente scatto (pre RAW).
Passate sottomano la Sony DSC F707, la prima reflex Canon EOS 300D, seguita dall’attuale 350D, ho anche definitivamente deciso che da gennaio 2006 si scatta solo in RAW! Stufo delle inaccuratezze del bilanciamento del bianco, dei limiti del JPG, ecc. ecc. ho anche pensato di abbandonare iView e gestire il tutto con il nuovo Aperture di Apple. Gran bel programma ma troppo “fresco”, le premesse sono buone, le potenzialità anche, ma per due motivi non mi ha convinto: 1 la velocità (o meglio l’estrema lentezza); 2 la conversione RAW non è soddisfacente (come del resto avevano sentenziato molti reviews sul web).
Alla ricerca di un convertitore RAW ho scaricato la demo 30gg di Capture One e sono rimasto assolutamente soddisfatto. Il principio di funzionamento non è di immediata comprensione, ma dopo una breve lettura del manuale ho capito il concetto.
Tuttavia Capture Onegestisce solo la conversione RAW per cui sono rimasto con il vecchio buon Iview (aggiornato alla v. 3) per quanto riguarda la catalogazione.
Oggi il mio processo si svolge così:

  • conversione RAW ed elaborazione inziale con Capture One (qui sistemo il WB, la gamma, la rotazione)
  • salvataggio in jpg
  • archiviazione della sessione di Capture One su DVD come “archivio negativi digitali”
  • inserimento dei jpg in Iview e catalogazione (categorie, etc.)
  • eventuali ulteriori ritocchi con Photoshop

Complicato? Apparentemente, ma i risultati e la flessibilità sono elevate.
Pur scattando per hobby e non per uso professionale è un procedimento che offre molte soddisfazioni soprattutto lavorando con il formato RAW.

Unisciti alla discussione

1 commento

  1. Ciao
    Buon articolo, dovrò provarlo questo Capture One (sono arrivato qui cercandolo ;) ); avrei solo un appunto sul tuo workflow: perchè elaborare con PS un jpeg? Insomma, oltre ad esposizione e bilanciamento, il RAW ha piena qualità e maggior profondità di bit! Per esempio, basta fare un denoise in PS per rendersi conto di come in jpeg bruttamente venga compresso soprattutto colore, anche ad alta qualità, e batsa fare un “luci ed ombre” per rendersi conto della maggior profondità di bit del RAW…
    Beh, niente, ci tenevo a suggerirtelo, ultimamente elaborando i raw (con camera raw) ho notato un boost della qualità, oltre a ciò che ho già detto…
    Ciao!

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: