Nuovo Apple iMac 24″ (mi sono preso il)

product-24in.jpgLo scorso anno ero rimasto “fregato” da mamma Apple perchè ho acquistato l’iMac 20″ una settimana prima che uscissero i modelli Intel. Ho passato il 2006 con il vecchio processore G5 e devo dire che non ho sentito la mancanza di poter usare Windows, a dire il vero non ho mai avuto questo bisogno! :-) Ma si sa, per noi macchiani, mecchisti, maccofili o come dir si voglia è bello avere “sotto le dita” l’ultimo pargolo di casa Apple e così, piazzato il 20″, ho preso l’iMac 24″ Intel Core 2 Duo.
Il design è identico, non fosse per lo schermo “panavision” da 1920 x 1200 pixel. Un qualcosa di “grande, molto grande”. Da sempre sono abituato a lavorare con due monitor affiancati, per cui sono abituato ad avere tanto spazio a disposizione, ma 1920×1200 tutti in un monitor non li avevo mai avuti. Il dettaglio è eccellente, unico grosso neo: la luminosità! Troppa !! Vero che lo uso a casa in una stanza dove c’è solo una lampada dietro all’iMac, ma anche al minimo è iperluminoso e abbastanza stancante. E la cosa ancora più fastidiosa è che abbassando la luminosità il computer produce uno stranissimo e fastidioso ronzio. Inizialmente credevo fosse il disco fisso, poi ho scoperto che era dovuto al controllo di luminosità. Probabilmente il sistema di illuminazione del 24″ consuma parecchia energia e abbassando la luminosità fa come lo stesso effetto di un dimmer elettrico: vibra. Un vero peccato!
Soprattutto ho i miei dubbi circa la possibile soluzione del problema tramite un aggiornamento software! Per il resto, gran macchina, con un tempo di startup incredibilmente rapido! La velocità poi è indescrivibile. Il programma che uso maggiormente, Capture One per la conversione dei files RAW, sembra abbia messo il turbo. 8 secondi per generare un tiff 16 bit da un raw. Prima ci metteva anche due minuti ! Questo mi farà sopportare il rumore più volentieri. :-)

Voto lettori
- Voti: 0 Media: 0

Unisciti alla discussione

3 commenti

  1. Da buon linuxiano odio i mac perchè hanno una filosofia chiusa ma il loro harware va bene,è sempre di ottima qualità rispetto alla media.
    Tieni conto che la apple oltre a fare l’hardware fa il sistema operativo e questo gli permette di avere grandi performance ,installando windows peggioreresti molto.

  2. Se Apple oggi esiste ancora è in parte grazie alla sua filosofia “chiusa”. Sin dagli albori era stata una scelta criticata. Per un periodo sono anche esistiti i “cloni”, cioè macchine di terze parti che potevano montare il sistema operativo Mac. E’ stato un veloce fallimento perchè avevano un sacco di problemi di compatibilità con il sw, i vari drivers ecc. Tenendo duro grazie alla filosofia del “faccio tutto io” e grazie a tutta una serie di altri buoni motivi, oggi Apple c’è. Riguardo Windows, mi serve solo per casi particolari (applicazioni che non girano su mac) e usarlo in parallelo con Mac (grazie a Parallels, appunto) non è poi una novità. Prima dei Macintel esisteva (e esiste ancora), Softwindows (VirtualPC). Lo usavo in tutti quei casi in cui mi serviva un pc, o per testare in ambiente Windows i miei programmi, o per altre applicazioni tipo: software per il computer subacqueo, software di controllo del telescopio, ecc. tutte applicazioni solo per windows. La cosa divertente è che l’ambiente Windows è un immagine disco di mac, se qualcosa sotto win non va in un attimo si ripristina tutto.

  3. quoto, da un mesetto è arrivato l’imac da “24” e il monitor è iperluminoso. non ho abbassato al minimo, ma quasi. per il resto: impressionate… io ero ancora sui G4

Lascia un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: