Non mi piace Wikipedia, non mi è mai piaciuta e credo mai mi piacerà. I motivi sono tanti e principalmente per i 5 punti che Wikipedia stessa dichiara come suoi pilastri:

  1. Wikipedia è un’enciclopedia
  2. Wikipedia ha un punto di vista neutrale
  3. Wikipedia è libera
  4. Wikipedia ha un codice di condotta
  5. Wikipedia non ha regole fisse

Punto 1: qui si potrebbe discutere su cosa in realtà vorrebbe essere e su ciò che non è, che poi è l’oggetto della questione. Ma leggiamo cosa troviamo in Wikipedia stessa alla voce Enciclopedia:

Gli elementi cardinali che definiscono i caratteri di un’enciclopedia sono quattro:

  • la specificità e la settorialità degli argomenti trattati;
  • la loro intertestualizzazione;
  • il metodo d’organizzazione;
  • i criteri di redazione delle voci.

E’ sin troppo evidente che il punto 5 smentisce il punto 1.

Punto 2: il punto di vista neutrale non può esistere in quanto tale! Se è un “punto di vista” non può essere neutrale. Sarebbe meglio definirlo un punto di vista “politically correct” ma, per citare Wikipedia stessa, questa definizione soffrirebbe di “recentismo”. Non è possibile essere neutrali perché la neutralità non esiste. Ognuno di noi ha un punto di vista soggettivo, chi scrive su WIkipedia sono persone, che sono soggettive e non possono che scrivere cose soggettive, seppur cercando di essere oggettive.

Consiglio a Wales (fondatore di Wikipedia) la lettura di Uno, nessuno e centomila…per iniziare per poi addentrarsi nelle conseguenze filosofiche del principio di indeterminazione.

Punto 3: si è libera, libera a tal punto che ognuno può scrivere le proprie scemenze. Vero che ci sono dei membri che controllano e supervisionano ma chi controlla i controllori? E quanto ne sanno i controllori? E chi sono i controllori?

Se io leggo una enciclopedia tradizionale posso risalire a chi ha scritto una tal cosa. Se il tema è specifico farò riferimento a una enciclopedia specifica, ma almeno so da dove viene l’informazione e ho degli strumenti per vautarne la affidabilità e la veridicità. Su Wikipedia no!

Punto 4: il codice di condotta! ok leggetelo a me sembra di essere negli anni 60! Peace, love and co.

Punto 5: non ha regole fisse! anche qui leggete il paradosso e poi ditemi se il tutto non è un delirio!

Difatti…basta andare su una pagina, che potremmo definire la pagina del “mi paro il sedere”, per capire che Wikipedia è un bluff: la pagina del disclaimer.

Il bugiardino dei medicinali è più breve, corto e onesto..purtroppo una volta aperto non lo si piega più…ma questa è un’altra storia!

Perché questa dissertazione su WIkipedia! Il “là” lo ho avuto leggendo la pagina di WIkipedia sui Telefoni cellulari.

Leggendolo sembra proprio di sfogliare una vecchia enciclopedia anacronistica. Vecchie foto, dati tecnici obsoleti, paragrafi su informazioni inutili e tendenti al gossip. Per non parlare dei dati relativi alla salute!

Su Wikipedia si può scrivere qualsiasi cosa, l’importante è citare la fonte…si ma la fonte chi la giudica!

Pur usandola ogni tanto, ritengo sia una grande inutilità. Tra il resto molti articoli in italiano sono la mera traduzione dell’inglese, il quale viene poi aggiornato e l’italiano no!

Saper usare bene Google è molto meglio di Wikipedia. Non è immediato, certo, ma almeno è un modo migliore per farsi una propria idea su un determinato argomento.

Wikipedia è per pigri e per chi si accontenta ma non è nulla di ciò che vorrebbe essere e che non potrà mai essere ovvero una enciclopedia.

Per dirla con un linguaggio dei miei tempi Wikipedia è il “Bignami” della cultura o per citare Nonciclopedia:

Nonciclopedia è un’enciclopedia parodistica. Wikipedia è la parodia di un’enciclopedia  

:-)

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: