Permalink e SEO

Dato che uso questo blog anche per sperimentare varie tecniche – dovrei forse dire “fondamentalmente” per sperimentare, visto che non credo di avere un gran numero di lettori – a parte un mio caro amico…forse due :-) – dicevo per testare l’ottimizzazione di questo blog sui motori di ricerca (SEO appunto – Search Engine Optimisation) ho modificato l’impostazione dei permalink di wordpress.
Le pagine del blog ora non hanno più l’indirizzo https://www.walter.bz/?p=NNN dove NNN è il numero del post ma una forma più testuale e cioè, per esempio: https://www.walter.bz/il-mio-podcast-da-i-numeristatistici/. E’ abbastanza semplice modificare questa impostazione con WordPress, dal menu Opzioni -> Permalinks. Unica accortezza quella di creare un file .htaccess scrivibile (a configurarlo ci pensa Worpress) che contiene le istruzioni di rewrite:

RewriteEngine On
RewriteBase /blog/
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-f
RewriteCond %{REQUEST_FILENAME} !-d
RewriteRule . /blog/index.php [L]

Ho scelto la forma più lineare, cioè indirizzo/nome-del-post per avere meno livelli possibile e essere più google friendly, troppe / indicano infatti un livello minore.
Il permalink testuale è, oltre che più leggibile, un fattore di ottimizzazione per il ranking su google. Ora la corrispondenza con il testo è presente, nell’url, nel titolo della pagine (title tag) e ovviamente nel testo stesso. Vedremo se questo darà un benefico SEO come dovrebbe.

Altro beneficio pratico: le categorie. Se voglio avere un link diretto alla lista post di una categoria, basta che indico https://www.walter.bz/cat/Mac.

I link vecchio stile rimangono attivi.

Voto lettori
- Voti: 0 Media: 0

Unisciti alla discussione

2 commenti

  1. Si è vero , i link dinamici ( quelli col ? in mezzo) non piaccioni a google.

    Ci sono altre cose da fare :
    http://www.google.com/webmasters/

    A te probabilmente interesserano i primi due:
    il primo serve per mandargli il sito
    il secondo serve per controllare quali e quante pagine del tuo sito sono su google e se il googlebot (lo spider) ha riscontrato errori.
    Per ottimizzare il processo googlebot->indice di google ci sono le sitemap da mandargli(dei file .xml con tutta la lista delle tue pagine).Per wordpress puoi automatizzare il tutto con un plugin.
    http://www.arnebrachhold.de/2005/06/05/google-sitemaps-generator-v2-final

    Ciao e occhio che ci possono voler mesi prima di vedere le pagine su google.

  2. Ciao Luca,
    sitemap lo uso già da tempo e proprio questa sera ho sistemato tutti i 404 (dalla lista di sitemap) delle vecchie photogalleries in html, sostituite con le nuove pagine e layouts in php e css.

    Ho installato anche il plugin di wordpress, che genera questo: http://www.walter.bz/sitemap.xml

    grazie comunque ;-)
    Walter

Lascia un commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: