Regole per i droni: l’esempio tedesco

In Italia la regolamentazione per i droni a uso ricreativo è di difficile interpretazione e comprensione.

Trovandomi a Monaco per lavoro in un momento di pausa sono andato in un mega store di elettronica e nel reparto droni ho trovato un depliant sulle regole fatto dal governo tedesco, ministero dei trasporti. Poche e chiare informazioni. Esiste anche un apposito indirizzo web In breve per droni tipo MavicPro (dai 0,25 a 2 kg) è necessario solo la targhetta con nome e indirizzo del proprietario. Volo a vista, divieto nelle zone abitate, governative, areoporti, industrie, assembramenti di persone e operazioni di polizia e soccorso.

Non sarebbe bene fare una cosa cos’ anche in Italia senza dover diventar matti per interpretare (ognuno a modo suo) un regolamento piuttosto farraginoso per i non addetti ai lavori?

Come ho anche scritto qui l’argomento delle No Flight Zones per i droni è piuttosto complesso.

Speriamo che la futura normativa europea prenda spunto dal governo tedesco!

Vedi anche le regole in Francia

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: