Un progetto per il Virgolo di Bolzano nella visione di una studentessa di architettura belga

Il Virgolo di Bolzano è un luogo abbandonato da anni. Gode di una posizione unica dalla quale si domina tutta la conca Bolzanina e si gode di una spettacolare vista sul panorama alpino e dolomitico. Interessi privati e pubblici si intrecciano in maniera inconcludente da anni e nel frattempo i bolzanini restano a guardare…lo stato di abbandono di un luogo dal passato glorioso e dal futuro incerto.

Qualche anno fa ho fatto qualche scatto in quei luoghi dove i tempo sembra si sia fermato. Vedi le foto e una breve storia del Virgolo qui.

virgolo02

All’inizio del 2015 sono stato contattato da una studentessa belga, Gerty Daniels, che per la sua Tesi per un Master in Design architettonico mi chiedeva qualche foto ad alta risoluzione del Virgolo. Ben lieto di aiutarla le ho fornito i files pregandola di farmi poi avere il materiale.

Il progetto elaborato è molto interessante dal punto di vista architettonico. Si sviluppa sul concetto di un hotel esclusivo a torre immerso nel verde. Una sorta di casa sull’albero, un castello arroccato su uno spuntone di roccia come se ne vedono tanti nella nostra regione.

virgolo_gerty-daniels1

 

L’idea in sé la trovo ben studiata. A tratti mi ha riportato alla mente l’Hotel Paradiso di Giò Ponti in Val Martello. Turismo di lusso in mezzo ad una natura selvaggia in luoghi esclusivi. Allo stesso modo mi ha fatto pensare al Bosco Verticale di Milano che rappresenta l’esatto opposto.

Una domanda da porsi è: vivere in simbiosi con la natura è possibile? Per il principio di indeterminazione direi proprio di no. E’ possibile creare dei simulacri, delle condizioni virtuali. Così come il Bosco verticale di Milano porta la natura in casa ma…è e rimane a Milano e l’aria che respiri è quella. Diversamente, questo progetto del Virgolo, è una campana di vetro di lusso in mezzo alla natura, così come ormai se ne vedono tante tra i nostri monti.

virgolo03

Per noi di Bolzano sarebbe sicuramente più bello se il Virgolo tornasse fruibile come in passato, magari con tanto di teleferica. Essendo in mano a privati, prima o poi qualcosa faranno. La speranza è che abbia un minimo impatto ambientale come nel progetto della studentessa belga.

Il bello di un progetto da studente è che è “ideale e idealista“. Un progetto reale prevederebbe sicuramente più cubatura per spremere lo spazio al massimo ai fini economici degli investitori.

A questi link si può vedere la tesi di Gerty Daniels con il progetto, le foto, i renderings e le piante dell’albergo:

Masterthesis Virgolo Gerty Daniels (in lingua olandese)

Masterthesis Virgolo Gerty Daniels (in inglese)

Consiglio di vederli entrambi perché non sono uguali.

Come mai una studentessa belga ha scelto il Virgolo per la propria tesi? In realtà la decisione è stata del suo tutor che sceglie sempre località legate al vino! :-)

virgolo04

 

 

 

Lascia un commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: